Archive for 29 dicembre 2012

Cronaca di Natale ad Hombolo

Hombolo 28 Dicembre 2012

…..e pensare che la notte di Natale era incominciata così bene!
La pioggia scendeva copiosa ma tranquilla, senza tuoni e fulmini e senza quel ventaccio che distrugge ogni cosa ma rendeva l’aria infuocata del giorno fresca e mite.
Non ci siamo lasciati spaventare dalla pioggia e, con le ciabatte di plastica ai piedi, siamo andati in Chiesa per seguire la messa della nascita di Gesù.
La chiesa era addobbata in maniera un po’ folcloristica come piace ai locali ma, con le porte spalancate e tutte le luci accese, sciami di grasse termiti con le ali, volavano in tutte le direzioni impegnando i fedeli a scacciarle più che seguire la funzione.
Le ragazze e i ragazzi del coro cantavano a squarciagola e ballavano manifestando tutta la loro gioia per la nascita di Gesù come solo in Africa ho visto fare.
Tutto ciò è molto coinvolgete e ti ritrovi senza volerlo a battere le mani e ondeggiare al ritmo della musica.
Alla fine della funzione non c’era nessun panettone da tagliare ne spumante per brindare e, tantomeno come si usa dalle mie parti a Cantù, la trippa da mangiare, non c’erano nemmeno regali da scartare però si tornava a casa con quella nuova “Luce” che nasce nel cuore in tutti noi a Natale.
La mattina dopo il sole brillava già feroce e, camminando per il villaggio, ero stupita di come tutto fosse uguale ad ogni altro giorno, donne che andavano al pozzo a prendere l’acqua col secchio in testa, ragazzi che trainavano carretti con più bidoni da portare a qualcuno che avrebbe dato loro qualche centesimo e, sulla strada polverosa i soliti banchetti malandati con le donne che vendono qualche pomodoro e qualche banana.
E poi, nei campi, ho visto mamme col loro piccolo sulla schiena, zappare e gettare il seme dl granoturco…sì, anche a Natale.
La pioggia caduta durante la notte è stato il regalo più bello per chi, con la consapevolezza di potere sopravvivere solo col lavoro dei campi, non può permettersi di aspettare domani perché oggi è Natale e affida subito alla terra i semi che sono tutta la loro speranza.
….e mentre nasceva Gesù Bambino anche Helina, 23 anni, partoriva il suo secondo bambino all’ospedale della città ma, dopo poche ore, lei e il suo bambino se ne andavano, insieme.
Andare a prenderla il giorno dopo col nostro pick up, è stata la cosa più straziante che mi sia mai capitato di vivere, avvolti solo nelle tipica Kanga, un telo stampato con cui si vestono le donne del villaggio, li abbiamo portati a casa distesi sulle ginocchia dei parenti.
Mi spiace di non potervi raccontare di luci scintillanti, regali ricevuti e pranzi succulenti ma, ho intitolato questa lettera “Cronaca di Natale” e questo è quanto.
A presto,
Maria Carla

Santo Natale 2012

Santo Natale 2012
“ Abbiamo veduto con i nostri occhi, abbiamo contemplato, toccato con le nostre mani il Verbo della vita perché la vita si è fatta visibile.” (1GV1, 1-3)
E tutto questo è avvenuto perché la nostra gioia sia perfetta.
Povertà, semplicità, gioia: sono parole semplicissime, elementari, ma di cui abbiamo paura e quasi vergogna. Ci sembra che la gioia perfetta non vada bene perché sono sempre tante le situazioni sbagliate, ingiuste.
Come potremmo di fronte a ciò godere di vera gioia? Gioia profonda non vuol dire non condividere il dolore per l’ingiustizia, per la fame del mondo, per le tante sofferenze delle persone. Vuol dire semplicemente fidarsi di Dio, sapere che Dio sa tutte queste cose, che ha cura di noi e che susciterà in noi e negli altri quei doni che la storia richiede.
(C. M. Martini)

Pur nella povertà ma nella semplicità e nella gioia, i bambini di Hombolo vi augurano un lieto Natale fidandosi del Signore che sempre suscita in noi desideri di bene.

Krismasi njema

Maria Carla