Archive for 23 febbraio 2009

Febbraio 2009

Carissimi,
anche quest’anno sono ritornata a casa dopo la pausa natalizia in Italia e, come sempre, voglio rendervi partecipi della situazione attuale qui ad Hombolo.
A dire la verità, non so come cominciare perché, tanto per cambiare,non ho notizie belle da raccontarvi ma posso solo parlarvi dei soliti problemi che affliggono questo villaggio.
Siamo nella stagione delle piogge ma, dopo un promettente inizio già lo scorso Novembre, ora non piove già da parecchi giorni e le coltivazioni sono molto,molto indietro.
La prima semina a Dicembre non è andata bene perché la pioggia si è fermata per cinque settimane e il sole ha bruciato tutti i germogli.
La seconda semina, temiamo che subisca lo stesso trattamento se non si decide a piovere al più presto.
Tante volte mi chiedo perché tutto si accanisca contro questa terra, questa gente, questi bambini…
Tante volte mi chiedo a cosa valgono i nostri sforzi e il nostro aiuto se poi tante avversità affievoliscono ogni barlume di speranza.
Ma noi non ci arrendiamo e ce la mettiamo tutta per andare avanti e fare del nostro meglio per migliorare un pochino le condizioni di vita della gente di Hombolo.
Anche quest’anno l’asilo “NURU” è stato riaperto dopo le vacanze con numerosi bambini , grazie per il vostro sostegno che ci permette di continuare ad accoglierli.
Il mulino lavora, il frantoio lavora poco ma, in questa stagione è normale, bisogna aspettare il raccolto e allora si lavorerà davvero giorno e notte.
Abbiamo terminato la costruzione del porcile e del pollaio, ci sono già quindici maialini che stanno ingrassando, per i polli invece, aspettiamo che si risolva un’epidemia in corso che provoca la mortalità di molti di essi, e poi provvederemo a rifornire il pollaio.
Io spero di riuscire fra un po’ a far mangiare ai bambini dell’asilo anche carne e uova per alternare i soliti fagioli.
Abbiamo piantato nel terreno dell’asilo alberi da frutta che potremo annaffiare anche durante la stagione secca, grazie all’acqua piovana che recuperiamo nelle grandi cisterne che abbiamo costruito nel 2007,così potremo avere anche un po’ di frutta per i bambini.
Spero nella mia prossima lettera di potervi dare notizie più confortanti, nel frattempo mando a tutti voi un grande abbraccio,
Maria Carla