Archive for 6 aprile 2008

Aprile 2008

Carissimi,
oggi è una giornata di pioggia e,non potendo uscire come di consueto con la bicicletta,ne approfitto per scrivere e mandarvi le ultime notizie da Hombolo.
Come vi ho già detto, le coltivazioni sono molto scarse a causa del ritardo delle piogge e,come se non bastasse,in questi ultimi giorni sta piovendo decisamente troppo causando ulteriori danni.
Qualche settimana fa un temporale con vento fortissimo ha scoperchiato molti tetti (anche quello di casa mia),le lamiere sono letteralmente volate via,molte capanne sono cadute e ci sono state due vittime,una bambina e il suo papà,e qualche ferito.
Ma quello che mi ha veramente sconvolto è ciò che è successo qualche giorno fa.
Un bambino è stato picchiato a morte solo perché,con alcuni amici,ha preso un’anguria in un campo.
Gli altri bambini sono scappati mentre lui è stato preso dal proprietario del campo e,prima costretto a forza di botte a mangiare tutte le bucce dell’anguria,poi ridotto in fin di vita a calci.
Dopo poche ore è morto,aveva il fegato spappolato.
Lo so che vi state chiedendo come possano succedere simili cose,io penso che la colpa sia della fame che induce i bambini a rubare,della miseria che incattivisce l’uomo e della scuola che punisce i bambini picchiandoli col bastone per ogni piccolo sbaglio.
Quale insegnamento volete che ne traggano se non che gli sbagli vanno puniti con la violenza?
Ho espresso il mio pensiero agli insegnanti della scuola di Hombolo e si sono molto arrabbiati,sono convinti di essere nel giusto e ritengono non ci sia altro modo per castigare se non le punizioni fisiche inoltre,mi compatiscono come fossi una deficiente a non capire la validità del loro metodo educativo. Infatti i risultati si vedono!
Ma quello che mi sconvolge ancora di più è vedere che,dopo solo tre giorni,sembra già tutto dimenticato,oggi è Domenica ma, alla Messa,non ho sentito dal Padre una parola,un ricordo,una preghiera per questo bambino.
E mi sembra davvero terribile che un fatto così grave passi quasi inosservato.
Mi spiace molto che,ogni volta che scrivo,non ho mai cose liete da raccontarvi,purtroppo però,questa è la realtà di Hombolo.
Qualcosa di positivo però,ve lo posso dire,da una settimana abbiamo iniziato la costruzione del frantoio per i girasoli,la prossima settimana andrò a Dar es Salaam a comprare le macchine e,se non ci saranno inconvenienti,lo metteremo in opera al più presto.
E poi, ci sono i bimbi del nostro asilo che mi tengono allegra e non mi lasciano il tempo di pensare alle cose tristi,sono così vivaci,così belli e così….tanti!
Allora,chiudete gli occhi e immaginate 140 sorrisi furbetti e 140 manine che si agitano per mandarvi tantissimi saluti e per dirvi :”ASANTE SANA” ( grazie tante).
Anche da parte mia,un caloroso saluto,ciao,
Maria Carla